sabato,
novembre 2014

BOX Utente
Non Collegato
54.161.147.106
Cerca nel sito
Statistiche
L'ultimo iscritto è outlander400, benvenuto!
La nostra comunità conta 13167 iscritti
Nel nostro Motore ci sono 685 siti web
Sostienici
GLI ALTRI LIBRI DELLA BIBBIA
Nuovo Testamento :: 1° lettera ai Tessalonicesi. Edizione TILC della Bibbia
LEGGI 1° LETTERA AI TESSALONICESI :: CAP. 4
Esortazione alla santità
1Per il resto, fratelli, voi avete imparato da noi come dovete comportarvi per piacere a Dio. E già vi comportate così. Ma ora, nel nome del Signore Gesù, io vi prego e vi supplico di migliorare ancora. 2Infatti voi sapete quali sono le istruzioni che vi ho dato da parte del Signore Gesù. 3Questa è la sua volontà: vivete in modo degno di Dio! e quindi state lontani da ogni immoralità. 4Ognuno sappia vivere con la propria moglie con santità e rispetto, 5senza lasciarsi dominare da indegne passioni, come fanno invece i pagani che non conoscono Dio. 6In queste cose nessuno deve offendere o ingannare gli altri. Ve l'ho già detto e vi ho già avvertiti seriamente: il Signore punisce chi commette questi peccati. 7Dio non ci ha chiamati a vivere nell'immoralità, ma nella santità. 8Perciò, chi disprezza queste istruzioni, non disprezza l'uomo, ma Dio che vi ha dato il suo Spirito Santo.

Esortazione all'amore e alla pace
9Per quel che riguarda l'amore fraterno, non avete bisogno che io vi scriva nulla. Voi stessi, infatti, avete imparato da Dio ad amarvi gli uni gli altri 10e manifestate questo amore verso tutti i nostri fratelli che abitano nell'intera Macedonia. Ma io vi incoraggio a fare sempre meglio. 11Fate il possibile per vivere in pace; curate i vostri impegni e guadagnatevi da vivere con il vostro lavoro, come vi ho insegnato. 12Così, quelli che non sono cristiani, avranno rispetto del vostro modo di vivere, e voi non sarete di peso a nessuno.

Morti e vivi al ritorno del Signore
13Fratelli, voglio che siate ben istruiti su ciò che riguarda i morti: non dovete continuare a essere tristi come gli altri, come quelli che non hanno nessuna speranza. 14Noi crediamo che Gesù è morto e poi è risuscitato. Allo stesso modo, crediamo che Dio riporterà alla vita, insieme con Gesù, quelli che sono morti credendo in lui.
15Come ci ha insegnato il Signore, io vi dico questo: noi che siamo vivi e che saremo ancora in vita quando verrà il Signore, non avremo alcun vantaggio su quelli che saranno già morti. 16Infatti in quel giorno sentiremo un ordine, la voce dell'arcangelo e il suono della tromba di Dio. Il Signore scenderà dal cielo, e allora quelli che sono morti credendo in lui risorgeranno per primi. 17Noi, che saremo ancora vivi, saremo portati in alto, tra le nubi, insieme con loro, per incontrare il Signore. E da quel momento saremo sempre con il Signore. 18Dunque, consolatevi a vicenda, con questi insegnamenti.